spiaggia_mare_afp

Spiagge in tempi di coronavirus. È da evitare, si legge sul Documento tecnico Inail-Iss, la pratica di attività ludico-sportive che possono dar luogo ad assembramenti e giochi di gruppo. Per lo stesso motivo deve essere inibito l’utilizzo di piscine eventualmente presenti all’interno dello stabilimento.

In linea generale le attività svolte in mare aperto come per esempio il wind-surf, l’attività subacquea o la balneazione da natanti, si legge nel Documento, “non presentano a priori rischi significativi rispetto a Covid-19, fermo restando il mantenimento del distanziamento sociale (e delle operazioni di vestizione/svestizione nel caso di attività subacquea), nonché la sanificazione delle attrezzature di uso promiscuo (esempio erogatori subacquei, attrezzature quali boma e albero del windsurf, etc)”.