Apre oggi in Italia la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per gli over-40. Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, intervenendo a su Tg2 Italia, su Rai 2 ha detto: “Si parla e si ipotizza, e credo sarà la scelta definitiva, di prevedere l’obbligo di terza dose per tutti i cittadini per cui è previsto attualmente l’obbligo vaccinale. Credo questo sia conseguenza logica e di buon senso. Sono scelte che verranno prese ragionevolmente già in questa settimana”. Anche Antonino Giarratano, presidente della Società Italiana Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva (Siaarti) ha affermato: “A seguito del ricovero in terapia intensiva i pazienti Covid hanno una possibilità di decesso dal 30 al 75%. Dobbiamo evitare questi ricoveri. Il nostro appello è chiaro: chiediamo a tutti gli italiani di vaccinarsi e ai vaccinati da più di 6 mesi di fare la terza dose, e di attenersi all’uso delle mascherine e igiene delle mani”. Ed ha aggiunto: “Chiediamo al governo di mettere in atto subito manovre per una maggiore attenzione, senza attendere il colore giallo che significa già 15% di ricoveri in più e nuovi morti”.

Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, a Radio Cusano Campus ha riferito: “I numeri dei casi di Covid-19 in Italia stanno aumentando in maniera importante, da 2500 casi settimanali siamo passati a oltre 10mila. Però è importante notare che a fronte di questo aumento non abbiamo avuto un enorme impatto sugli ospedali. Questa è la dimostrazione che la protezione offerta dai vaccini soprattutto sulla malattia grave sta funzionando in maniera egregia”.