Roberta Lombardi

Parla l’assessore regionale alla Transizione Ecologica Roberta Lombardi: “E’ al centro di un contenzioso tra proprietari privati, che potrebbe determinare una ‘separazione’ tra il lago e i canali di collegamento col mare

 

 

Il tavolo tecnico sul lago di Paola, tenuto dall’assessore alla Transizione Ecologica della Regione Lazio, Roberta Lombardi, insieme con la Direzione Parchi e l’Avvocatura della Regione, ha dato una indicazione precisa:  “Ampliare i confini del Parco nazionale del Circeo e rafforzare le prescrizioni previste dalle norme nazionali e internazionali sulla Rete Natura 2000, in modo da aumentare le tutele, anche a beneficio del lago di Paola (o lago di Sabaudia), attualmente al centro di un contenzioso tra proprietari privati, che potrebbe determinare una ‘separazione’ tra il lago e i canali di collegamento col mare nonché con i terreni circostanti, compromettendo così l’integrità da un punto di vista naturalistico e paesaggistico”.

“Come Regione non possiamo interferire in una causa civile tra privati, ma possiamo far valere, per quanto di nostra competenza, la necessità assoluta di una gestione integrata del bene in modo da privilegiare la tutela rispetto agli interessi particolaristici dei proprietari privati. Un impegno coerente con le linee di intervento, quali il clima e la lotta al degrado del suolo, approvate proprio oggi anche dal G20 Ambiente e che trovano riscontro anche nel Pnrr”, spiega l’assessore Lombardi.

Vogliamo approvare al più presto il Piano di Assetto del Parco nazionale del Circeo – continua – per il quale è necessario ancora un passaggio dell’ente parco, dopo l’emissione, da parte della Regione, del parere motivato di Vas nel 2020. Per questo mi auguro che siano nominati al più presto i vertici dell’Ente Parco e l’iter di approvazione del Piano possa proseguire speditamente, rendendo più solida anche la tutela del lago di Paola”.