In relazione alle notizie apparse sulla stampa nazionale in data odierna, relative alla segnalazione di candidati alle elezioni europee da parte della nostra associazione, si ritiene assai significativo il rilievo
dedicato alla circostanza, che rappresenta una attività del tutto allineata alle azioni di tutela delle imprese associate ad Anaste, operanti nel settore sanitario e socio-sanitario.
Ciò in quanto ci sembra opportuno condividere con gli associati i nominativi dei pochi rappresentanti del mondo politico, espressione sia di partiti di maggioranza che di opposizione, che nel corso degli ultimi anni si sono interessati alla problematica delle cure di lungo termine agli anziani non autosufficienti, e che oggi intendono portare al parlamento europeo la loro sensibilità ed esperienza.
Tutto questo sembra importante, proprio in questo momento, per contribuire ad indirizzare l’attenzione dell’opinione pubblica verso una serie di aspetti, relativi alle liste di attesa per l’accesso alle cure dei malati cronici, regolarmente trascurate, e di cui nessuno pare avere contezza.
Il dibattito attuale infatti, polarizzato sulla diagnostica strumentale e sulle visite specialistiche, ignora completamente l’apporto che un serio intervento per il reale potenziamento dell’assistenza agli anziani non autosufficienti potrebbe fornire alla soluzione del problema delle liste di attesa per prestazioni, riducendo inoltre il sovraccarico dei Pronto soccorso.
Il Presidente Nazionale
Dott. Sebastiano Capurso