Il presidente dell’Anm, Giuseppe Santalucia, in apertura del Comitato direttivo centrale dell’associazione ha detto: “Non c’è nulla di liberale nelle riforme costituzionali che il ministro Nordio sta annunciando.

Credo che il nostro sistema di garanzie democratiche non possa fare a meno di azione penale obbligatoria e unità delle carriere: se si toccano questi capisaldi non si fa un riforma in senso liberale ma si pongono le premesse per un controllo politico sull’azione penale. Non alziamo muri, non facciamo scontri, ma vogliamo spiegare che non sono riforme che aumenteranno la qualità della giustizia”.