Il Senato inizia oggi la corsa per l’approvazione del testo della legge di bilancio 2022, ridotto negli emendamenti ed a 600 delle oltre 6 mila proposte di modifica di maggioranza. La Camera lo aspetta per il 21 dicembre, sempre se i senatori lo avranno licenziato per allora. I temi più caldi riguardano Superbonus, scuola, reddito di cittadinanza, contrasto del caro bollette e sisma e proprio su questi temi i capigruppo si riuniranno per definire un orientamento comune. Tutta aperta resta invece la partita del Superbonus 110%, sul quale, però, gli emendamenti sembrano convergere per una proroga possibilmente integrale della misura. Altro tema importante quello della nuova proroga per le cartelle nel 2022: i partiti spingono per soluzioni più elastiche a favore di famiglie e imprese del termine fissato nel dl fisco al 14 dicembre per la rottamazione-ter e il saldo e stralcio, nonché della proroga di due mesi, al 31 gennaio, per l’Irap e per chi lo scorso anno ha goduto di un esonero che non spettava, e dell’estensione (da 150 a 180 giorni) per le cartelle sospese per l’emergenza Covid. L’idea è di far finire in manovra una soluzione che parta da due delle ipotesi sul tavolo: diluizione dei pagamenti e rottamazione quater.