“Abbiamo raggiunto un accordo, all’esito dell’incontro convocato con le organizzazioni sindacali e datoriali regionali e territoriali, sugli ammortizzatori sociali relativamente alle aree di crisi industriale complessa di Frosinone e Rieti. L’accordo, in particolare, riguarda l’utilizzo delle risorse per la prosecuzione della mobilità in deroga destinata ai lavoratori e per la cassa integrazione straordinaria per le aziende in fase di reindustrializzazione.

Le risorse a disposizione sono pari a: 19.797.385,44 di euro alla mobilità in deroga e 8.129.865,47 di euro alla CIGS per aree di crisi complessa.

Oggi, con l’accordo raggiunto, diamo una risposta concreta alle persone dei territori interessati anche accelerando ulteriormente le procedure che portano al pagamento del compenso da parte dell’INPS con l’obiettivo come Istituzione di non lasciare indietro nessuno ma di mettere in campo ogni strumento utile per sostenere i lavoratori.

Accompagneremo coloro che beneficeranno di ammortizzatori sociali in deroga con misure dedicate di politica attiva del lavoro che saranno definite di concerto con le Parti Sociali attraverso una serie di incontri da concludersi entro il 31 maggio. Il primo, di approfondimento, con le parti datoriali è convocato per il 29 aprile”. Così in una nota l’assessore al Lavoro e Nuovi diritti della Regione Lazio, Claudio Di Berardino.