La madre di Saman Abbas, Nazia Shaheen, è stata arrestata in Pakistan, dove si trovava latitante dal primo maggio 2021. Questo segue la sua condanna all’ergastolo da parte della Corte di Assise di Reggio Emilia, per l’omicidio della figlia. Dopo essere stata localizzata in un villaggio vicino al Kashmir, è stata trasferita a Islamabad per le procedure di estradizione.

Shaheen e suo marito erano fuggiti dall’Italia il primo maggio 2021, poco dopo l’omicidio di Saman. Il marito, Shabbar Abbas, è stato arrestato nel novembre 2022 e estradato in Italia quasi dieci mesi dopo. La procedura di estradizione è stata complicata dalla mancanza di accordi bilaterali tra Italia e Pakistan, ma alla fine è stata concessa, segnando un evento storico. Shaheen è comparsa in tribunale a Islamabad per le formalità di estradizione.