Manca solo la firma del presidente della Regione per ufficializzare la nomina dei nuovi Direttori generali che guideranno la Asl Roma 1 e Asl Roma 6 per i prossimi tre anni. Nel primo caso si tratta della conferma di Angelo Tanese, mentre per la Asl Roma 6 è stato scelto Cristiano Camponi, attualmente direttore amministrativo dell’Asl Roma 2.
Oggi è infatti arrivato il via libera della commissione Sanità del Consiglio regionale del Lazio ai due schemi di decreto del presidente della Regione (n. 106 e n. 107).

I due schemi di decreto sono stati illustrati dall’assessore regionale alla Sanità e integrazione Socio-Sanitaria, Alessio D’Amato, e hanno ottenuto 13 voti favorevoli (compreso quello del vicepresidente della commissione, Fabio Capolei, di Forza Italia, messo a verbale ma non espresso per problemi con la piattaforma elettronica). La consigliera Chiara Colosimo (FdI), riferisce il Consiglio regionale in una nota, si è astenuta sul decreto di nomina di Tanese e ha espresso parere contrario sul secondo provvedimento. Hanno quindi espresso voto favorevole: il presidente Rodolfo Lena; l’altro vicepresidente della commissione, Fabio Ciani (Centro Solidale-Demo.S); i consiglieri del Partito democratico Mauro Buschini, Michela Di Biase, Enrico Panunzi, Michela Califano e Simone Lupi; i consiglieri del Movimento 5 stelle Loreto Marcelli e Devid Porrello; Marta Bonafoni (Lista Civica Zingaretti); Marietta Tidei (gruppo Misto); Giuseppe Simeone (FI).

Angelo Tanese è stato scelto dal presidente della Regione su una rosa di 10 candidati ritenuti idonei dalla Commissione di esperti (Avviso Pubblico indetto con DGR n. 605 del 28/09/2021) e confermato quindi direttore generale dell’Azienda Sanitaria Locale Roma Uno, di cui era già stato commissario straordinario a partire dal 2016 e direttore generale dal 2018 ad oggi. In precedenza, Tanese era stato commissario straordinario dell’Asl Roma A (2015) e dell’Asl Roma E (dal 2012, poi direttore generale dal 2014 al 2016), dalla cui fusione nel 2016 è nata l’Asl Roma 1, una delle più grandi del Lazio, con circa 7.500 unità di personale dipendente e a convenzione, una popolazione di riferimento di oltre 1 milione di abitanti, su un territorio che comprende sei Municipi (il 40% di Roma) e un bilancio di circa 3 miliardi di euro annui.