VITERBO- A partire da lunedì 3 ottobre, torna operativo l’ambulatorio di Fisioterapia presso l’ospedale di Acquapendente. La nuova linea di attività si inserisce nella Rete riabilitativa aziendale, a garanzia di una continuità territoriale del percorso riabilitativo ed erogherà prestazioni di rieducazione neuromotoria, laserterapia, ultrasuoni, magnetoterapia ed elettroterapia.

L’ambulatorio di Acquapendente, come tutti gli altri appartenenti alla Rete riabilitativa aziendale, si avvale della integrazione con i sistemi digitali di valutazione e di presa in carico del vicino Polo Riabilitativo di Montefiascone, centro di riferimento aziendale, con il quale sono collegati tutti i nodi e i servizi ambulatoriali attivi nel Viterbese.

L’ambulatorio sarà aperto tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle 14. Gli operatori saranno a disposizione dell’utenza per accogliere le richieste di appuntamento e dare informazioni. Si accede al servizio con una richiesta dello specialista o del medico di medicina generale direttamente senza passare al CUP.

“L’ambulatorio di fisioterapia – commenta il direttore generale della Asl di Viterbo, Daniela Donetti -, torna ad assicurare la piena presa in carico di tutti i pazienti del comprensorio aquesiano che hanno subito traumi o interventi o che necessitano di un ciclo di fisioterapia di prevenzione e di mantenimento sulle patologie croniche o stabilizzate. Durante il periodo di maggiore criticità collegato all’emergenza pandemica, dovendo dare priorità alla campagna vaccinale, le attività riabilitative erano state garantite dai fisioterapisti ai pazienti ricoverati presso i reparti di degenza dell’ospedale aquesiano. Oggi torna pienamente operativo un servizio territoriale capace di offrire una risposta riabilitativa di prossimità, in coerenza con quanto previsto nel nuovo piano territoriale della Asl e con l’incremento in corso dei punti di erogazione delle prestazioni che sta interessando, nello specifico, la Rete riabilitativa aziendale. Crescita che, ad esempio, ha interessato anche la città di Viterbo, con la recente apertura dell’ambulatorio fisioterapico presso la Cittadella della salute”.