VITERBO- Secondo l’indagine Istat “Misure del benessere equo e sostenibile dei territori” riferito ai dati registrati nel 2021, l’aspettativa di vita nella Tuscia è di 82,1 anni. A livello nazionale la Tuscia è l’unica ad aver mantenuto un tasso quasi invariato “in tutto il periodo 2019-2021 (speranza di vita alla nascita pari a 82,1 anni) mentre le province di Roma e Padova, dopo aver perso circa mezzo anno di vita nel 2020 rispetto al 2019 mantengono la speranza di vita alla nascita stabile nel 2021 rispetto al 2020 (rispettivamente 83,6 e 82,9 anni).  A livello nazionale la media è leggermente più alta. Si attesta a 82,4 anni (80,1 per gli uomini e 84,7 anni per le donne). Nel 2020 l’Istat ha segnalato una flessione (-1,1 anni di vita vissuti, da 83,2 del 2019 a 82,1 del 2020), quando la diffusione della pandemia da Covid-19 aveva interrotto bruscamente la crescita osservata fino al 2019, il dato riferito al 2021 evidenzia un recupero pari, in media, a circa 4 mesi in più per gli uomini e circa 3 per le donne. Restano le differenze tra Nord e Sud Italia: la speranza di vita alla nascita totale nel Mezzogiorno scende a 81,3 anni nel 2021, con una riduzione di 6 mesi rispetto al 2020 che si aggiungono ai 7 mesi già persi nel 2020 rispetto al 2019. Al Nord, invece, si attesta a 82,9, con un recupero di quasi un anno rispetto al 2020.