Le forze ucraine avrebbero effettuato il primo attacco contro la Russia utilizzando missili americani, in seguito all’autorizzazione ufficiale di Washington. Fonti non ufficiali russe riportano che il bersaglio è stato un sistema di difesa antiaerea nella regione di Belgorod.

Secondo il canale Telegram “Dva Majora”, con oltre 700.000 iscritti, missili Himars americani hanno colpito una postazione che dispiegava missili S-300 e S-400. Non ci sono vittime tra i soldati russi, ma le immagini mostrano veicoli militari in fiamme e una colonna di fumo. Il canale “Astra” ha aggiunto che l’attacco ha danneggiato una base per le truppe e un’area di stoccaggio di armi pesanti nel distretto di Korochanskiy.

Mosca ha avvertito gli Stati Uniti di evitare “errori fatali” in Ucraina. Il vice ministro degli Esteri russo, Serghei Ryabkov, ha denunciato l’atteggiamento “irresponsabile” degli americani, affermando che ci sarà un prezzo da pagare. Gli Stati Uniti hanno chiarito che i missili forniti a Kiev possono essere usati solo per contrastare l’avanzata russa nella regione di Kharkiv. Tuttavia, ci sono preoccupazioni che possano essere impiegati per colpire le difese strategiche russe.
Le fonti americane, citate dal Washington Post, temono che questi attacchi possano essere visti da Mosca come minacce alla deterrenza strategica, alterando la fiducia reciproca sulle armi nucleari. Un radar preso di mira, situato nella regione di Orenburg, serve a prevenire minacce dalla Cina.
Il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, ha ribadito la contrarietà all’uso delle armi italiane per attacchi sul territorio russo. Tajani ha sottolineato l’importanza della diplomazia e ha aperto alla possibilità di inviare un secondo sistema Samp-T in Ucraina.
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Cina di sabotare il vertice di pace di Lucerna, in programma per il 15 e 16 giugno. La portavoce del ministero degli Esteri cinese, Mao Ning, ha respinto le accuse, sostenendo che la diplomazia cinese non utilizza la forza politica.
Le autorità ucraine hanno riportato la morte di tre persone, tra cui un bambino di 12 anni, e tre feriti in nuovi bombardamenti russi nelle regioni di Donetsk e Kharkiv.
Durante una visita a Pechino, Putin e Xi Jinping hanno discusso del vertice di pace ucraino, del gasdotto Power of Siberia 2 e della cooperazione finanziaria tra i due Paesi. La Cina sta cercando condizioni vantaggiose per l’acquisto del gas russo e maggiori attività delle banche cinesi in Russia, nonostante le possibili sanzioni statunitensi.