Il centrosinistra ha trionfato nei ballottaggi, conquistando tutti i cinque capoluoghi di Regione in palio, oltre a Cagliari vinto al primo turno. I capoluoghi di Regione che hanno visto la vittoria del centrosinistra includono Firenze, Bari, Campobasso, Perugia e Potenza.

Nel frattempo, la maggioranza di governo ha registrato successi a Lecce, dove Adriana Poli Bortone torna sindaco, a Rovigo, Verbania e Caltanissetta, comuni che hanno cambiato colore passando al centrodestra.

L’affluenza alle urne è stata bassa, con solo il 47,71% degli aventi diritto che ha votato, in netto calo rispetto al 62,83% del primo turno. Questo dato è stato commentato dal presidente del Senato Ignazio La Russa, che ha sottolineato come il doppio turno non sia efficace e incrementi l’astensione, con il rischio che venga eletto chi ha meno voti assoluti rispetto all’avversario del primo turno.

La segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, ha celebrato la vittoria, definendola “storica per il Pd ed il campo progressista”, rivendicando il successo in città come Firenze, Bari, Campobasso, Perugia, Potenza e Cagliari. Schlein ha interpretato il risultato come un chiaro messaggio alla premier Giorgia Meloni contro i tagli alla sanità, i bassi salari e l’autonomia differenziata.

Il Movimento 5 Stelle ha anch’esso salutato con favore i risultati, vedendo nei successi un premio ai progetti d’intesa tra le forze di opposizione, nonché un segnale positivo per la convergenza politica sia nelle aule parlamentari che nelle piazze.

Tra i vincitori del centrosinistra, spiccano Sara Funaro a Firenze e Vito Leccese a Bari. Funaro è diventata la prima donna sindaco di Firenze con il 60% dei voti, mentre Leccese ha ottenuto oltre il 70% delle preferenze a Bari. Anche Perugia ha visto una vittoria significativa con Vittoria Ferdinandi, la prima sindaca della città, che ha ottenuto il 59,12% dei voti.

Nel complesso, questa tornata elettorale ha visto un record di donne elette sindaco: sei su quattordici città capoluogo che hanno partecipato al ballottaggio.

Sul fronte del centrodestra, Fratelli d’Italia ha sottolineato di aver strappato quattro comuni alla coalizione avversaria, mentre la Lega ha celebrato le vittorie in Veneto e Piemonte, nonché il successo di Lecce in Puglia. Anche Forza Italia ha rimarcato che la coalizione di centrodestra ha ora più sindaci negli oltre ottomila comuni d’Italia.

Considerando i risultati complessivi del primo e secondo turno, il centrosinistra ha conquistato 17 comuni capoluogo, il centrodestra 10 e 2 comuni sono andati a candidati civici.