di REDAZIONE-

VITERBO- Una bambina ucraina di 3 anni è stata salvata da un farmaco arrivato dagli aiuti umanitari partiti dal Lazio, nello specifico da Civita Castellana. La bambina, a causa di una malattia, aveva bisogno di un farmaco salva vita che a causa della guerra la famiglia non era riuscita più a reperire. Un volontario si è ricordato di avere proprio quel farmaco in uno dei pacchi arrivati dal Lazio, in particolare da Civita Castellana, tra i tanti pacchi di farmaci partiti dalla Tuscia in questi ultimi giorni, insieme a cibo e vestiario. La bambina così è stata salvata. Il titolare di Civita Stampi che ha organizzato la raccolta, Sandro Epifani ha ricordato che il medicinale si trovava nel carico partito due settimane fa fa Civita Castellana. Tanta gioia ovviamente per la madre della piccola che non ha smesso di ringraziare, promettendo che a fine guerra vorrà giungere in Italia per abbracciare chi ha salvato la vita della sua piccola.