di WANDA CHERUBINI-

VITERBO Il suono delle sirene alle 10,27 di stamani ha segnato l’inizio delle operazioni di bonifica condotte dagli artificieri dell’Esercito Italiano sulla bomba della seconda guerra mondiale di fabbricazione inglese, rinvenuto lo scorso 20 marzo, a Viterbo, in via Alcide de Gasperi. La procedura prevede la rimozione delle spolette e dell’involucro esterno della bomba come prima fase. Successivamente, l’ordigno, chiamato “Lady Rose” in onore di Santa Rosa, sarà collocato in una cassa protetta e trasferito a Monte Romano su veicolo terrestre. Qui, verranno completate le operazioni senza la necessità di detonazione.

Luigi Prencipe, capitano degli artificieri dell’Esercito, ha guidato le operazioni di bonifica della bomba. “Lady Rose” è la seconda blockbuster bomba scoperta nella città dei papi, progettata per causare distruzione. Si tratta di un ordigno di fabbricazione inglese, con un peso di 4 mila libbre, pari a 1800 chili.