Bombardamenti alla centrale di Zaporizhzhia e scambio di accuse tra russi e ucraini. L’ente nazionale per l’energia, Energoatom, ha denunciato cinque raid russi nei pressi di un deposito di sostanze radioattive.

Una analoga accusa era stata mossa dai filo-russi che controllano l’area. Per l’ente ucraino in ogni caso “al momento la situazione è sotto controllo” e le “informazioni che lo staff sia fuggito sono un fake”. Intanto è attesa la riunione d’emergenza di oggi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per discutere la situazione della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzia, che Kiev e Mosca si accusano reciprocamente di aver bombardato.
L’incontro, richiesto dalla Russia, dovrebbe tenersi questa sera alle 21 italiane.