giovedì, 21 Ottobre 2021
Home Sanità Bulgari dona un super microscopio allo Spallanzani

Bulgari dona un super microscopio allo Spallanzani

32
0

Il brand controllato da Lvmh ha consegnato all’ospedale romano lo strumento di ultima generazione. Al taglio del nastro hanno partecipato il ceo Jean-Christophe Babin e il team del laboratorio virologia, che è stato il primo in Italia a isolare il coronavirus

Bulgari dona un microscopio allo Spallanzani
Marta Branca e Jean-Christophe Babin

Grazie alla donazione di Bulgari, è stato consegnato un nuovo microscopio di ultima generazione all’ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma. Come anticipato (vedere MFF del 7 febbraio), lo strumento è in grado di fornire l’acquisizione di immagini all’avanguardia ed è dunque fondamentale per la ricerca che porterà alla prevenzione e al trattamento del coronavirus. Il nuovo microscopio verrà inserito in modo permanente nei laboratori di ricerca del padiglione Del Vecchio.L’inaugurazione è avvenuta alla presenza del ceo di Bulgari, Jean-Christophe Babin, dell’executive vice president sales & retail Lelio Gavazza, del direttore generale dello Spallanzani Marta Branca e del team del laboratorio virologia, che è stato il primo in Italia a isolare il virus.«Siamo onorati della donazione di Bulgari, che ci consentirà di rafforzare in un momento così delicato la ricerca sugli sviluppi del covid-19. Ringrazio in modo particolare l’ad Jean-Christophe Babin per l’impegno e la sua disponibilità nei confronti dell’istituto», ha dichiarato Marta Branca.

Grazie alla sua capacità di risolvere con precisione strutture microscopiche di cellule anche su campioni biologici tridimensionali e di seguirne la crescita e l’interazione con altri microrganismi nel tempo, il microscopio 3D è lo strumento ideale per studiare le infezioni del coronavirus a livello cellulare ed è il primo ad essere installato nella città di Roma, consentendo ai ricercatori di realizzare protocolli di ricerca sperimentale innovativi.«Siamo consapevoli che la donazione è una prima piccola goccia nell’oceano della ricerca che deve essere condotta, ma grazie alle persone che ci lavorano giorno e notte siamo sicuri che nelle settimane a venire si faranno enormi passi avanti nel contenere e nello sradicare il virus, non solo in Italia, ma nel resto del mondo», ha aggiunto Babin.