Sono stati 646 stanotte gli interventi dei vigili del fuoco per incendi riconducibili ai festeggiamenti di Capodanno, in leggero aumento rispetto allo scorso anno, quando furono 558. A registrare il maggior numero di interventi è stata l’Emilia Romagna, dove sono stati 96. Gli altri interventi sono stati in Piemonte 50, Lombardia 47, Veneto e Trentino Alto Adige 71, Friuli Venezia Giulia 16, Liguria 45, Toscana 45, Marche 13, Umbria 5, Lazio 52, Abruzzo 6, Molise 7, Campania 57, Basilicata 0, Calabria 4, Puglia 75, Sicilia 31, Sardegna 26. Purtroppo un bambino di 10 anni ha dovuto subire l’amputazione di una mano la notte scorsa presso l’ospedale Santissima Annunziata a Taranto,  a causa delle ferite riportate per l’esplosione di un petardo. Il bimbo è stato accompagnato in ospedale un’ora circa dopo la mezzanotte con ferite alla mano destra. A causa delle condizioni riscontrate, i medici hanno dovuto amputarla.

Sono 16 le persone ferite dai botti tra Napoli e provincia: di queste cinque sono minori. Il dato è stato fornito dalla Questura di Napoli, che segna un aumento rispetto al bilancio dello scorso anno quando i feriti furono otto. La maggior parte dei feriti, 12, è concentrata nella città di Napoli: di questi tre sono minorenni.

Fra i feriti più gravi, secondo i primi dati forniti dai carabinieri, c’è chi ha perso un dito della mano per aver raccolto un botto in strada e chi affacciato al balcone è stato colpito al volto da un petardo. Un ragazzino, invece, era a bordo di un’auto quando l’esplosione di un grosso botto ha fatto scoppiare l’airbag che lo ha colpito in pieno volto; è stato ricoverato per un importante trauma oculare. Uno dei minorenni della provincia di Napoli rimasto ferito nella notte di Capodanno è stato probabilmente raggiunto da un colpo d’arma da fuoco al volto. Il minorenne ha riportato due fori: uno all’altezza mascella destra e l’altro alla mascella sinistra e per questo motivo si sospetta possa trattarsi di una ferita d’arma da fuoco con entrata e uscita.

A Milano, durante i festeggiamenti per S. Silvestro, un 25enne è rimasto ferito perché raggiunto da un colpo d’arma da fuoco. E’ accaduto poco prima dell’una in un locale di periferia, in via Giambelino 58, nella zona Sud-Ovest della metropoli. In relazione al ferimento dell’avventore è stato arrestato un uomo, si tratta di un 43enne rintracciato dagli agenti delle Volanti, con precedenti e residente in zona. Secondo una prima ricostruzione, il 25enne marocchino ferito era all’interno di un locale in via Giambellino a festeggiare il Capodanno quando è stato colpito al braccio da un colpo d’arma da fuoco esploso dalla strada, sparato dal presunto autore del gesto con il quale poco prima avrebbe avuto una banale lite. L’uomo ora dovrà rispondere di tentato omicidio e porto abusivo di arma da fuoco.

A Vercelli una donna di 30 anni è rimasta ferita dallo scoppio di un petardo.  La donna, dopo aver ricevuto le prime cure all’ospedale di Vercelli, è stata trasferita d’urgenza al Centro di Riferimento Regionale di Chirurgia Plastica dell’Ospedale Maria Vittoria dell’Asl Città di Torino dove è stata sottoposta ad un delicato intervento di microchirurgia per il salvataggio della mano e delle dita compromesse dal trauma. Ora è ricoverata nel reparto di chirurgia plastica per seguire l’evoluzione delle ustioni riportate dallo scoppio del petardo.

E’ stato colpito di striscio alla gamba sinistra e a un piede il 37enne ferito ieri sera con alcuni colpi di arma da fuoco in piazza Nuova a Foggia, verso le ore 20. L’uomo, con precedenti penali per reati contro il patrimonio e per spaccio di droga, non è in pericolo di vita.

Un 80enne è stato colpito alla testa ieri sera da un petardo e ora è ricoverato all’ospedale Vito Fazzi di Lecce per emorragia cerebrale. L’uomo è stato operato e ora è in prognosi riservata. A Gallipoli un 53enne è stato ricoverato per la frattura di un dito della mano: al personale dell’ospedale ha raccontato di avere raccolto un petardo per strada che poi è esploso. A Copertino un 35enne è stato medicato e dimesso con prognosi di dieci giorni per ferite a mani, testa, gambe e piedi a seguito dell’esplosione di un petardo.

In Basilicata si registrano due feriti lievi,  uno a Melfi (Potenza), l’altro a Matera. Una bombola del gas è esplosa stanotte all’1, fortunatamente senza provocare feriti, nella terrazza di un’abitazione in via Trincea Delle Frasche a Cagliari. Secondo i proprietari, la causa sarebbe dovuta ad alcuni petardi lanciati sulla loro terrazza, e uno di questi avrebbe causato la combustione del tubo in gomma del gas.

Un ragazzo di 25 anni è stato portato in condizioni di media gravità all’ospedale Maggiore di Bologna per ferite fatte con un coccio di bottiglie alla gola in centro. La polizia è intervenuta intorno a mezzanotte e quaranta in via Sampieri: a quanto ricostruito il ragazzo aveva tentato di bloccare una lite tra nordafricani in piazza della Mercanzia ed è stato colpito da una bottigliata.