Capodanno blindato in Italia per via della diffusione della variante Omicron. Quindi, discoteche chiuse, cancellati concerti e feste in piazza. Già a livello locale in molte città i sindaci avevano già emesso ordinanze di divieto di feste all’aperto per la notte di San Silvestro. Con il nuovo decreto il Governo vieta le feste in tutto il Paese e poi chiude ancora una volta i locali da ballo. Il Silb, il sindacato dei locali da ballo, ha chiesto un incontro urgente con il governo per sottoporre alla sua attenzione una serie di richieste, che vanno dai ristori immediati, ai tempi certi di riapertura, alla rimodulazione delle tasse che hanno strangolato le loro imprese. Il presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ha espresso perplessità sulla chiusura di discoteche, temendo il proliferare, come è stato quest’estate, di feste private incontrollabili. Il nuovo anno, quindi, si potrà ricevere in compagnia in casa, affidando alle persone il compito di ridurre il rischio di focolai domestici, utilizzando la prudenza e il buonsenso. Lo scorso anno tutto il Paese era in zona rossa e c’era il coprifuoco.