CITTA’ DEL VATICANO – Dal prossimo 2 aprile, ogni sabato, turisti, curiosi e appassionati avranno la possibilità di salire a bordo di un treno dedicato, in partenza dalla Stazione Vaticana – la più piccola al mondo -, per raggiungere la residenza estiva dei Papi adagiata sui colli romani. Il collegamento ferroviario, finora sospeso a causa dell’emergenza sanitaria, offre la possibilità di vivere un’esperienza fuori dal comune: prima la visita ai Musei Vaticani, poi una passeggiata nei Giardini per raggiungere l’antica stazione costruita nel cuore verde dello Stato Pontificio, la partenza in treno con destinazione Albano Laziale e quindi l’arrivo alle Ville Pontificie di Castel Gandolfo. Qui sarà possibile di nuovo immergersi nei colori dei rigogliosi Giardini di Villa Barberini e varcare la soglia di quelle che una volta erano le camere private dell’appartamento del papa nel Palazzo Apostolico. «Una proposta particolarmente ricca, dunque – si legge in una nota dei Musei Vaticani -, che unisce la passione per l’arte, l’amore per la natura e la spensieratezza di una gita ‘fuori portà con la famiglia e gli amici. Michelangelo e Raffaello, il Laocoonte e il Torso del Belvedere, la fontana dell’Aquilone e le verdi geometrie dei Giardini all’italiana che, complice l’arrivo della bella stagione, tornano a colorarsi di rose, azalee, primule e gelsomini». E poi ancora «i lecci, le querce e gli abeti che si incastrano nei ruderi dell’antica villa dell’imperatore Domiziano, innalzata accanto al Lago di Castel Gandolfo e con un panorama che arriva sino al porto di Anzio». Infine l’accesso a Palazzo: lo studio privato del Papa, la sua biblioteca, la camera da letto e la Cappella dove per la prima volta nella storia due Pontefici hanno pregato assieme«. Ma non è finita: prima di concludere la giornata è possibile prenotare un pranzo a base di prodotti tipici, servito nel Padiglione del Riposo, e poi passeggiare lungo il lago oppure nei vicoli stretti del caratteristico centro storico del piccolo borgo romano. Per il ritorno a casa, appuntamento per tutti alle 16.30/16.45: navetta per la stazione di Castel Gandolfo e quindi treno con arrivo, ore 18.30 circa, alla Stazione Ferroviaria di Roma San Pietro. Ulteriori informazioni e costi sono disponibili al sito www.museivaticani.va.