ROMA –  Si è svolta ieri  la Conferenza Locale Sanità alla presenza del Commissario Straordinario Narciso Mostarda, del Direttore Sanitario Roberto Corsi, del Direttore Amministrativo Tommaso Antonucci, della dott.ssa Paola Capoleva direttore Uoc Integrazione Socio-Sanitaria e Welfare di Comunità, del Sindaco di Pomezia e Presidente della Conferenza Adriano Zuccalà e dei Sindaci dei Comuni di competenza della Asl
Roma 6.
All’ordine del giorno le attività promosse dai Comuni e dalla Asl contro la violenza di genere, tema per la prima volta portato alla luce dalla conferenza, l’andamento epidemiologico, il piano vaccinale e il regolamento sul funzionamento della Conferenza dei Sindaci Asl Roma 6.
Il primo punto è stato trasmesso in diretta streaming. Il Commissario Straordinario ha iniziato l’incontro evidenziando l’importanza di questo giorno a sostegno delle donne, ricordando però l’impegno continuo e quotidiano dell’azienda su questo tema. Le azioni messe in campo sono state illustrate dalla dott.ssa Capoleva, dalle iniziative alla presenza costante e capillare dei consultori familiari per l’assistenza e il sostegno alle donne. A porre l’accento su questo fenomeno indicandolo come un problema sociale lo Sportello Donne di Pomezia e l’ass. Ponte Donna che gestisce il CAV di Nettuno.
Un segnale importante è stato dato dalla procura di Velletri con la firma proprio ieri del “Protocollo interistituzionale per la prevenzione e il contrasto sulla violenza di genere” con l’ordine degli psicologi di Roma e con l’ordine degli avvocati, già sottoscritto nel 2018 con i Comuni e la Asl Roma 6.
La conferenza dei Sindaci è stata occasione per analizzare anche i dati aziendali sull’emergenza pandemica, una situazione tendenzialmente in crescita, motivo per il quale è auspicabile il ricorso alla vaccinazione da parte dei cittadini ancora incerti. E’ stato fatto un focus sulla situazione scolastica e sulle azioni intraprese e in corso. Il dott. Mostarda ha poi fatto il punto ad oggi sullo stato di avanzamento delle vaccinazioni.
L’azienda ha effettuato un totale di oltre 650.000 dosi. Rilevante anche il supporto della medicina generale, con oltre 38.000 dosi inoculate. Da quando è iniziata la somministrazione della terza dose sono 37.000 le vaccinazioni effettuate, l’antinfluenzale ha raggiunto invece oltre 90.000 utenti.
Si è analizzata anche la rimodulazione ospedaliera che vede l’Ospedale dei Castelli nuovamente con 25 posti letto dedicati all’emergenza Covid, dei quali 23 sono attualmente occupati e la Rsa di Genzano con 18 posti letto Covid attivi, di cui 11 ad oggi occupati.
La Asl Roma 6 è in prima linea anche nelle cure con gli anticorpi monoclonali, nelle cure per il Long Covid, nella psicoanalisi a distanza anche per la popolazione adolescenziale, nelle cure per i disturbi alimentari e nello screening oncologico, tutte attività che hanno registrato numeri importanti.
“La Conferenza locale per la Sanità rappresenta un momento di confronto importante – ha dichiarato il Sindaco Zuccalà – dobbiamo intensificare la campagna vaccinale e proseguire con le terze dosi in modo da non vanificare gli sforzi fatti fin’ora e cercare di arginare il più possibile i contagi. Ringraziamo il Commissario Straordinario per la proficua collaborazione”.
Conclude il Dott. Mostarda – “Un augurio a tutti noi, che lavoriamo intensamente per proteggere tutte le fragilità, dando forza a progetti ed iniziative. Stiamo collaborando da tempo finalmente in rete condividendo responsabilità e processi. Fenomeni così drammatici come quello della violenza sulle donne possiamo contrastarli solo restando uniti e dalla stessa parte, costruendo una rete che amplia il coinvolgimento dei protagonisti. Dobbiamo iniziare a pensare alla sanità del futuro, abbiamo un ospedale tecnologicamente avanzato e una prossimità territoriale presente e supportata dalla telemedicina. Stiamo
cercando di rispondere colpo su colpo a tutti i bisogni di salute della popolazione.”