Le sanzioni decise dall’Ufficio di presidenza della Camera dei Deputati sono state duramente criticate dal leader del M5S, Giuseppe Conte, che le ha definite una “appendice farsesca” di quanto accaduto ieri a Montecitorio. Conte ha denunciato che l’aggredito, il deputato M5S Leonardo Donno, è stato trattato alla pari degli aggressori.

Donno è stato sanzionato per aver esposto un tricolore davanti al ministro Calderoli. Secondo Conte, questo gesto è stato equiparato a quelli di chi ha inneggiato alla Decima Mas e di chi ha aggredito Donno con violenza.
Conte ha accusato la maggioranza di oltraggiare la verità e la giustizia, infliggendo una ferita all’immagine del Paese e delle sue istituzioni a livello internazionale. Ha concluso il suo messaggio su X con un invito alla vergogna per chi ha contribuito a questa situazione.