Nella Asl Roma 6 sono 64 i nuovi casi positivi di cui la maggior parte riferibili al San Raffaele di Rocca di Papa su cui è in corso un audit a cura della Asl competente e del Seresmi

Un discorso simile a quello che sta accadendo nel territorio della Asl Roma 4 dove sono stati segnalati, invece, 31 nuovi casi positivi di cui la maggior parte riferibili ai cluster delle case di riposo di Fiano Romano e Campagnano.

I dati Asl di Roma e del Lazio del 14 aprile

Asl Roma 1: 6 nuovi casi positivi. 2041 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Chi esce dalla sorveglianza domiciliare è tre volte superiore di chi ne entra. Prosegue il monitoraggio nelle RSA e case di riposo del territorio

Asl Roma 2: 16 nuovi casi positivi. 153 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Il 25% degli operatori sanitari è stato sottoposto a sorveglianza sanitaria. Prosegue la sorveglianza sanitaria su Villa Fulvia e altre RSA

Asl Roma 3: 4 nuovi casi positivi. 2017 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. 2 decessi: un uomo di 75 anni e un uomo di 92 anni, entrambi con patologie pregresse. Chi esce dalla sorveglianza domiciliare è tre volte superiore di chi ne entra

Asl Roma 4: 31 nuovi casi positivi di cui la maggior parte riferibili ai cluster delle case di riposo di Fiano Romano e Campagnano. 2360 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Continuano i controlli sulle RSA e case di riposo del territorio. Il 52% degli operatori sanitari sono stati sottoposti a sorveglianza sanitaria

Asl Roma 5: 6 nuovi casi positivi. Deceduto un uomo di 91 anni con patologie pregresse. 2246 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Controllate 156 case di riposo e strutture per anziani del territorio

Asl Roma 6: 64 nuovi casi positivi di cui la maggior parte riferibili al San Raffaele di Rocca di Papa su cui è in corso un audit a cura della Asl competente e del SERESMI. 8 decessi: un uomo 75 anni, un donna 87 anni, un uomo di 85, un uomo di 80, un uomo di 86, una donna di 92 anni, una donna di 96 anni e un uomo di 58 anni, tutti con patologie preesistenti. 88 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Controlli anche in altre RSA e case di riposo del territorio

Asl Frosinone: 5 nuovi casi positivi. 0 decessi. 22 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Proseguono i controlli nelle RSA e case di riposo

Asl Latina: 4 nuovi casi positivi. Deceduto un uomo di 97 anni con pregresse patologie. 5720 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Le persone uscite dall’isolamento domiciliare sono 5 volte maggiori di chi ne entra

Asl Rieti: 1 nuovo caso positivo. 0 decessi. 15 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Si sono conclusi i controlli su tutte le 70 case di riposo del territorio. Il 64% del personale sanitario è stato sottoposto a sorveglianza

Asl Viterbo: 6 nuovi casi positivi. 0 decessi. 2455 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Proseguono i controlli nelle strutture per anziani e RSA del territorio

Il bollettino dello Spallanzani del 14 aprile

Nel frattempo sono 166 i pazienti covid positivi, di questi 23 hanno bisogno di un supporto respiratorio. Lo spiega il bollettino medico del 14 aprile dello Spallanzani che “precisa che in giornata sono previste altre dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici e che”. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o in strutture territoriali sono a questa mattina 267.

Coronavirus, termina la zona rossa per tre comuni del Lazio

Oggi è il giorno in cui scadono i termini della ‘zona rossa’ nei Comuni di Nerola (RM), Contigliano (RI) e Fondi (LT). “Volevo ringraziare i Prefetti e le Forze dell’Ordine per il lavoro svolto che ha consentito di limitare la diffusione dei focolai epidemici nelle zone sottoposte a ulteriori misure restrittive. – sottolinea l’assessore alla sanità del Lazio Alessio D’Amato – E’ stato fatto un grande lavoro in stretta collaborazione con i Comuni e le Asl competenti territorialmente per la parte sanitaria. Non si tratta di uno ‘sciogliete le righe’, ma di un rientro alla gestione ordinaria che è strettamente regolamentata”.

“Queste misure sono state necessarie al sopravanzare dei tassi di incidenza dell’epidemia in particolari cluster e non si esclude che su altre situazioni, qualora se ne ravvisino le condizioni epidemiologiche, possano essere riproposte. Infine un ringraziamento va alle Amministrazioni comunali e ai cittadini che dovranno mantenere alta l’attenzione”.

D’Amato: “Mantenere alta l’attenzione”

“Un trend in frenata al 2,5% – commenta l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato – continua la forbice tra coloro che escono dalla sorveglianza domiciliare (16.174) e coloro che sono entrati in sorveglianza (12.367). Rinnovo l’appello a mantenere alta l’attenzione e deve proseguire l’attività di forte vigilanza sulle residenze per anziani con controlli a tappeto su tutto il territorio. Per quanto riguarda i guariti salgono di 25 unità nelle ultime 24h per un totale di 764, mentre i decessi sono stati 5.

Coronavirus: librerie aperte dal 20 aprile

Riapertura delle librerie dal 20 aprile, per garantire le misure di sicurezza necessarie; chiusura delle attività commerciali il 25 aprile e il primo maggio; proroga fino al 3 maggio dell’attuale disciplina oraria dei negozi. Questi i punti salienti dell’ordinanza emanata dalla Regione Lazio.