di WANDA CHERUBINI-

VITERBO – Purtroppo è risultata positiva al Coronavirus la studentessa georgiana, che ieri era stata trasferita allo Spallanzani di Roma per il tampone, dopo essersi sentita male, accusando febbre e tosse. La giovane, a Viterbo per seguire un percorso di studi, era stata qualche giorno fa a Venezia. Con lei è risultato positivo al virus anche un docente dell’Università della Tuscia .

La notizia è arrivata questa mattina a Viterbo direttamente dall’ospedale Spallanzani. L’ateneo viterbese nella persona del rettore Stefano Ubertini (nella foto) ha così deciso di sospendere l’attività didattica. In particolare, sono partiti i controlli necessari sulla Casa dello studente di San Sisto, dove la ragazza è stata ospitata prima di sentirsi male ed essere trasferita a Roma dai sanitari del 118, che sono stati dalla stessa allertati. Di seguito la comunicazione dell’università della Tuscia: ” Il rettore dell’Università degli studi di Viterbo Stefano Ubertini, sentite le autorità preposte, ha disposto la sospensione dalle ore 14 di oggi di tutte le attività didattiche, specialistiche, aggregative, tirocini ed altro presso tutti i Dipartimenti  dell’UNITUS di Viterbo fino al 15 marzo. Rinviati incontri, riunioni e anche il concerto di sabato prossimo 7 marzo. Questo a seguito della positività al COVID-19 di un docente del polo di Agraria e di una studentessa di nazionalità georgiana già allo “Spallanzani” di Roma. Il docente  l’ultima volta ha frequentato i locali dell’Università della Tuscia il 20 febbraio u.s. La sospensione delle attività didattiche è stata decisa in via precauzionale, per motivi di contenimento e per consentire la igienizzazione di tutti i locali. La situazione è costantemente sotto controllo sia da parte delle autorità sanitarie  sia di quelle universitarie. Ulteriori aggiornamenti saranno oggetto di altre comunicazioni”.

Mail priva di virus. www.avast.com