Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro, in un’audizione in Commissione Affari Costituzionali del Senato sugli “Obblighi vaccinali e rafforzamento certificazioni verdi Covid-19” ha riferito che in Italia ci sono attualmente  11 sequenze di variante Omicron, altre sono sospette, e colpiscono più regioni, ovvero Calabria, Campania, Sardegna, Veneto e provincia di Bolzano. Riguardano casi di persone che avevano transitato in Sud Africa o loro contatti stretti. In generale, l’epidemia è in espansione, con l’Rt a 1,2 e un’incidenza in aumento a 173 casi ogni 100 mila persone tra il 29 novembre e il 6 dicembre e una “forte corrispondenza” tra la diffusione e la popolazione non vaccinata. Inoltre, ha riferito che vi sono ancora 6 milioni e 570 mila persone che non hanno ancora ricevuto il vaccino, in particolare tra i 30 e i 60 anni. “Per quanto riguarda l’occupazione posti letto – ha aggiunto Brusaferro – abbiamo una crescita che aumenta di circa un punto percentuale a settimana a livello nazionale e continua crescere anche in terapia intensiva. Così come un Rt intorno a 1,2 – stasera o domani avremo dati più aggiornati ma quelli preliminari mostrano che ci manteniamo su questa tendenza – indica che siamo ancora in una situazione di crescita della circolazione”.