E’ in corso a Palazzo Chigi la conferenza stampa sulla prosecuzione della campagna vaccinale  presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio con il ministro della Salute Roberto Speranza, il commissario straordinario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo e il coordinatore del Cts Franco Locatelli. Il ministro Speranza ha detto che “nel quadro europeo i numeri dell’Italia si possono considerare tra i migliori ma è evidente che allarme dell’Oms va considerato con la massima attenzione e ci richiede di insistere con la campagna di vaccinazione. Stiamo accelerando sulle terze dosi, è il terreno sul quale concentrare le nostre energie nelle prossime settimane”. Ha poi aggiunto:”Lavoreremo dalla prossima settimana per allargare la dose booster anche ad ulteriori fasce generazionali. Dobbiamo ancora recuperare sulle prime dosi e accelerare sulle terze dosi, raccomandate a tutti i fragili indipendentemente dall’età e a coloro che hanno avuto il monodose J&J e per gli over60″. Ma oltre ai vaccini, restano fondamentali le misure ed i comportamenti per gestire questa fase della pandemia. Il ministro Speranza ha aggiunto: “Siamo all’83,3% di vaccinati con ciclo completo, circa 45 milioni di cittadini. Coloro che hanno fatto almeno una dose sono oltre 46 milioni pari all’86% a cui possiamo sommare i 600 mila guariti: questo ci porta all’87,7% di persone che hanno una qualche copertura”. Il coordinatore del Cts Franco Locatelli ha aggiunto che “abbiamo il 9% in più dei vaccinati rispetto alla Germania, un successo della organizzazione e della sensibilità popolazione italiana. La terza dose è sicura e io stesso l’ho ricevuta senza problemi. Bisogna incrementare la vaccinazione in chi non l’ha fatta ed è importante sottoporsi alla terza dose come protezione per fragili, anziani e personale medico”. Ha poi  fatto un appello: “Vanno evitati assembramenti e partecipazione a feste se non ci sono mascherine e il rischio circolazione virus è importante”.