Foto Massimo Paolone/LaPresse 8 aprile 2020 Bologna, Italia cronaca Emergenza Coronavirus, il reparto di terapia intensiva dell'ospedale Policlinico Sant'Orsola-Malpighi per la cura del Covid-19 Nella foto: una fase delle cure Photo Massimo Paolone/LaPresse April 8, 2020 Bologna, Italy news Coronavirus emergency, the intensive care unit of the Sant'Orsola-Malpighi hospital for the cure of Covid-19 In the pic: a phase of treatment

Meno restrizioni da oggi in Italia  e più aperture, anche se il Green pass non si tocca. La curva dei contagi Covid scende in circa due terzi delle province, ma restano  elevati i valori dell’incidenza.

Si applicherà un nuovo sistema per le quarantene che saranno dimezzate a 5 giorni per i non vaccinati e per le dad, con gli studenti che torneranno quasi tutti in classe. In zona bianca poi non ci sarà più l’obbligo delle mascherine all’aperto a partire dal prossimo venerdì, quando anche le discoteche potranno riaprire con certificato rafforzato, mascherine (ma non in pista) e capienza al 50 per cento.

Una ripartenza con prudenza per una nuova fase del Paese annunciata dal coordinatore del Cts,  Franco Locatelli, che però avverte: “Va gestita la riapertura con un’adeguata progressività”. Per il consulente del ministro della Salute, Walter Ricciardi il green pass dovrà essere mantenuto almeno per tutta l’estate.

Dal 15 febbraio scatterà l’obbligo del Super pass al lavoro per gli ultracinquantenni. Mentre il prossimo 31 marzo scadrà lo stato di emergenza e se quest’ultimo non dovesse essere prorogato, andranno ridiscussi con le aziende gli accordi sullo smartworking e anche la struttura dell’attuale Commissario, il generale Francesco Figliuolo, diventerebbe “ordinaria”.

Il suggerimento sarebbe quello di mantenere l’attuale sistema di restrizioni per i non vaccinati oltre il 15 giugno prossimo, data in cui è al momento prevista la scadenza dell’obbligo della dose per gli over 50. Intanto nelle prossime settimane potrebbero arrivare le sanzioni da 100 euro dopo verifiche a campione sul milione e mezzo di ultracinquantenni in Italia che non si sono mai vaccinati o che non hanno ancora fatto la dose booster entro la scadenza dei sei mesi per il richiamo. La legge prevede che la multa arrivi direttamente a casa con una cartella dell’Agenzia delle entrate.

Si è anche in attesa del Novavax che dovrebbe arrivare a fine febbraio, il cosiddetto vaccino degli “scettici” proprio perché basato su vecchie tecniche, diverse da quelle vettoriali e a base mRna utilizzate finora per i sieri anti-Covid. infine, le percentuali sulla capienza di stadi e discoteche all’aperto potrebbero essere presto riviste. In particolare,  per gli impianti sportivi, la soglia attualmente prevista al 50% potrebbe passare presto al 75% e progressivamente al 100%.