ROMA -“Il Lazio è l’unica regione, assieme al Veneto, ad aver incrementato il personale adibito all’attività di contact tracing. Tutto ciò, non senza difficoltà, in quanto tutte le Regioni sono sottoposte al vincolo anacronistico del tetto del personale su base 2004, un’era geologica fa. Noi facciamo tutti gli sforzi possibili, ma le Regioni devono essere messe in condizione di poter gestire al meglio la pandemia. Peraltro, di recente sono stati tolti anche 45 addetti ai drive-in forniti dalla struttura commissariale. Credo che sia arrivato il momento di riconoscere alle Regioni le risorse che fino ad ora hanno anticipato per il contrasto alla pandemia”. Lo dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.