Misure più severe per i non vaccinati, spingere sulla terza dose: queste le richieste delle Regioni che insistono sulla necessità di “riflessione urgentissima” con il governo alla luce dell’aumento dei casi, sia per salvare il Natale che per evitare le restrizioni e chiusure previste per le zone gialle o arancioni.

Il Governo forse accoglierà la richiesta lunedì, ma, intanto, le regole non cambiano, a parte  l’estensione dell’obbligo della terza dose al personale sanitario e la riduzione della durata del certificato verde, provvedimenti che il Consiglio dei ministri dovrebbe discutere nella riunione di giovedì prossimo. Il leader della Lega, Matteo Salvini è contrario alle misure contro i non vaccinati previste in Germania perché “bisogna evitare le chiusure per tutti. Dobbiamo unire, pacificare, non dividere, isolare, discriminare. Il tampone è il mezzo più sicuro, perciò è più sicuro un non vaccinato che ha il tampone negativo, che un iper vaccinato senza tampone”. Intanto in Sicilia è stato introdotto l’obbligo di portare la mascherina sempre con sé e di indossarla anche in tutti i luoghi aperti al pubblico particolarmente affollati, secondo la nuova ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci. I provvedimenti sono in vigore da oggi fino al 31 dicembre.