Secondi i dati del ministero della Salute sono 53.588 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore. Ieri erano stati 70.803. Le vittime sono invece 118, in calo rispetto alle 129 di ieri. Sono 364.182 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 477.041. Il tasso di positività è al 14,7%, sostanzialmente stabile rispetto al 14,8% di ieri. Sono 489 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 4 in meno di ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 42. I ricoverati nei reparti ordinari tornano sopra quota 10mila: sono 10.017, ovvero 68 in più rispetto a ieri.

Il  ministro della Salute, Roberto Speranza, nella trasmissione Mezz’ora in più di Rai 3 ha detto che lo stato d’emergenza è finito, ma la la pandemia no e come sia necessaria ancora prudenza. “Sarebbe antistorico affrontare pandemia come abbiamo fatto due anni fa. Ora non siamo più in una fase di emergenza, ma servono ancora prudenza e gradualità, bisogna lavorare per rafforzare il Servizio sanitario nazionale, dobbiamo continuare a usare la mascherina, occorrono cautela e attenzione”. E sull’uso delle mascherine ha riferito: “Continuo a considerare le mascherine fondamentali. In questo momento sono obbligatorie al chiuso e ne valuteremo l’utilizzo nella terza decade di aprile, per capire bene quali scelte compiere dal primo maggio”. Ed in merito alla quarta dose di vaccino ha detto. “Sulla quarta dose penso che a livello europeo abbiamo fatto una scelta giusta: martedì c’è stata la riunione dei ministri della Salute e, su mia proposta, la Commissione Europea la prossima settimana darà un’indicazione condivisa. Tutti i Paesi, come sempre avviene, stanno studiando e stanno approfondendo i dati. Si rischiava che ognuno decidesse una cosa diversa”.