In aumento in Italia il numero dei nuovi casi di Covid-19, per la terza settimana consecutiva con l’indice di trasmissibilità Rt e l’incidenza in salita. Nonostante ciò nessuna  Regione è passata in zona gialla, anche se 20 sono classificate questa settimana a rischio moderato ed il Friuli Venezia Giulia è ad alta probabilità di progressione al rischio alto.

Il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza ha sottolineato come il monitoraggio settimanale della Cabina di regia evidenzia una situazione che va “monitorata con attenzione” e per limitare la probabilità di una ulteriore escalation dei nuovi casi la misura essenziale resta l’incentivazione della campagna vaccinale sia tra coloro che non sono ancora immunizzati sia per le terze dosi di richiamo. Rezza ha evidenziato come la situazione tendi a peggiorare: l’incidenza si fissa a 78 casi per 100mila abitanti, l’Rt è in aumento a 1,21. Il tasso di occupazione in terapia intensiva e reparti di area medica cresce rispettivamente al 4,4 e al 6,1% ma ben al di sotto della soglia critica del 10 e 15%. Quindi la situazione epidemiologica è in rapida evoluzione e l’incidenza tende ad aumentare anche se non quanto quella di altri paesi europei, ma i vaccini ci stanno proteggendo dalle forme più gravi di malattia.