Dal primo settembre prossimo decadono gli obblighi di vaccinazione per l’intero personale scolastico e quindi torneranno in cattedra anche i professori No vax, così come gli operatori scolastici e gli amministrativi, che hanno scelto di non ricevere il siero.

Lo si apprende da una nota per le misure standard di prevenzione anti-Covid, inviata ieri dal ministero dell’Istruzione a tutte le scuole, dalle materne agli istituti superiori. La nota presenta le indicazioni per avviare l’anno scolastico, per poi accogliere gli studenti in classe il 15 settembre e si basa sulle linee guida già dettate dall’Istituto superiore di sanità all’inizio di agosto.
La normativa sull’immunizzazione rientrava in quelle inserite per il contrasto all’emergenza. Nella nota si spiega che “dalla ricostruzione fin qui effettuata si evince che le richiamate disposizioni emergenziali, alla data in cui si scrive (19 agosto 2022) in vigore in ambito scolastico, esauriscono la loro validità al 31 agosto 2022 e in assenza di ulteriori specifiche proroghe o rinnovi, non prolungano i loro effetti nel prossimo anno scolastico 2022/2023”.
Per quanto riguarda il rientro in classe, restano valide le regole come il divieto di accedere nelle strutture scolastiche con sintomi influenzali o con febbre superiore a 37,5 gradi. Le scuole, inoltre, provvederanno alla sanificazione delle classi sia ordinaria sia straordinaria, in presenza di uno o più casi di positività e a disporre i ricambi d’aria frequenti.