Sono circa 750 i milioni previsti per la mobilità nel Viterbese dal Pnrr secondo quanto evidenziato in un report di Unindustria e Orep, osservatorio recovery plan. Ad essere interessate al finanziamento sono le ferrovie Orte-Falconara, Roma-Viterbo e la ciclovia tirrenica.  Nello specifico per la ferrovia Orte-Falconara, che rientra nei finanziamenti per le connessioni diagonali, che prevedono 1,58 miliardi di fondi complessivi, il fondo previsto è di 510 milioni di euro, che permetterà una riduzione in tempi di percorrenza di 15 minuti sulla tratta Roma-Ancona e di 10 minuti sulla tratta Roma-Perugia, grazie ad un aumento  da 4 a 10 treni all’ora sulle tratte soggette al raddoppio. Per la linea ferroviaria Roma-Viterbo, i finanziamenti rientrano nell’ambito del potenziamento delle linee regionali, con uno stanziamento complessivo di 2,4 miliardi, puntando al raddoppio del tratto Cesano-Bracciano. Per la linea ferroviaria Roma- Viterbo la somma messa a disposizione dal Pnrr è di 194 milioni di euro che permetterà il potenziamento delle linee ferroviarie regionali e il miglioramento del sistema di trasporto in termini di numero di passeggeri trasportati, aumento della velocità di percorrenza, interconnessione tra centri urbani e le altre infrastrutture ed anche un intervento destinato alla tratta Roma lido. Inoltre, è prevista l’eliminazione di tutti i passaggi a livello attualmente presenti nel tratto interessato, oltre che la dotazione di nuovi treni. Altri fondi sono, infine, previsti per la ciclovia tirrenica per il rafforzamento della mobilità ciclistica, che interessa il comune di Tarquinia con nuove piste ciclabili urbane e metropolitane. La ciclovia Tirrenica rientra tra le opere in programma per rafforzare il turismo sostenibile, insieme ad altri dieci itinerari ciclabili.