“Con l’attivazione della nuova Tac presso l’ospedale di Velletri manteniamo un impegno importante. Si tratta di una macchina estremamente performante, di ultimissima generazione, il cui utilizzo rappresenta uno step fondamentale per il miglioramento dell’efficienza e della funzionalità del presidio”.
Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato che, accompagnato dal Direttore generale della ASL Roma 6, Narciso Mostarda, ha inaugurato la nuova Tac presso l’ospedale ‘P. Colombo’ di Velletri.
“Il nosocomio veliterno è una struttura sanitaria che serve una grande area dei Castelli romani – ha commentato Mostarda – sulla quale l’azienda ha sempre infuso grandi forze ed energie. Continueremo a fare il massimo per migliorare ancora la qualità delle cure erogate in questo quadrante del territorio, sia con investimenti in nuove tecnologie, che con i reclutamenti già in corso”.
La nuova tac garantisce un’eccellente qualità dell’immagine, rapidità nell’acquisizione e l’ottimizzazione del mezzo di contrasto, dunque una riduzione della dose radiogena. La macchina è in grado di rilevare e valutare anche le lesioni di piccola entità e di seguirne l’evoluzione nel tempo, nonché di ottenere una valutazione estremamente dettagliata dell’estensione del tumore. Una grande accuratezza diagnostica, dunque, ottenuta anche grazie a un software che riduce le distorsioni o la perdita di informazioni causate dalla presenza di metalli nel corpo (come protesi, viti o otturazioni dentali). La tac è dotata anche di un software 3D, che permette la ricostruzione di immagini tridimensionali, con qualsiasi orientamento nello spazio.