L’assessore regionale ha sottoscritto un protocollo per migliorare l’accesso ai disabili visivi in ospedale e strutture sanitarie.

La Regione Lazio nell’odierna seduta di Giunta ha approvato la delibera con lo schema di Protocollo di intesa tra l’Ente regionale, l’Asp Sant’Alessio-Margherita di Savoia e l’Unione italiana ciechi e ipovedenti per la definizione delle azioni che consentano di migliorare le procedure di accesso e accoglienza ai percorsi di cura delle persone disabili visive ed ipovedenti presso le strutture ospedaliere e più in generale presso i servizi sanitari.

Il Protocollo prevede nel concreto alcune linee guida per istituire percorsi di accesso al Pronto soccorso e ai reparti delle strutture ospedaliere e la formazione del personale medico, sanitario e socio-sanitario per una adeguata conoscenza nell’ambito della disabilità visiva.

“Un protocollo operativo che ci consente di migliorare l’accoglienza e l’accesso nelle strutture del Sistema sanitario alle persone con disabilità visiva o ipovedenti. Nasce dall’esperienza maturata con il Covid e dalla collaborazione per assicurare l’accesso alle vaccinazioni. Eliminare le barriere architettoniche è una questione di civiltà, occorre un cambiamento culturale nel segno dell’inclusione e delle pari opportunità” ha commentato l’Assessore alla Sanità, Alessio D’Amato.

Ai fini della verifica dell’accordo sottoscritto viene istituito un Comitato tecnico (cadenza semestrale) per monitorare l’attuazione del protocollo e delle azioni programmate.