Il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, a Radio Anch’io, su Radio1 ha detto che l’idea di un price cap bloccato può avere delle controindicazioni nel senso che l’andamento dei mercati, il trattamento verso i Paesi,  perché è chiaro che l’atteggiamento verso la Russia non può essere lo stesso che quello verso la Norvegia o l’Algeria, richiedono uno strumento abbastanza sofisticato, un price cap dinamico che potrebbe andare incontro a questa necessità. “La discussione tecnica andrà avanti – ha aggiunto Gentiloni- però se la Commissione europea mette sul tavolo una proposta in vista del vertice dei leader Ue del 20 e 21 ottobre, io penso che ormai le posizioni tra i Paesi si stiano avvicinando”.