Il vicepremier e segretario di Forza Italia, Antonio Tajani, ha dichiarato che il partito ha raggiunto un obiettivo strategico, occupando lo spazio politico tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein. Tajani ha espresso soddisfazione per i risultati, ringraziando gli elettori su X con un messaggio che afferma: “Dovevamo prenderci lo spazio politico tra la Meloni e la Schlein. Quello spazio ce lo siamo preso”.

Il partito di ultradestra tedesco Afd ha deciso di escludere Maximilian Krah dalla sua delegazione europarlamentare. I nuovi parlamentari eletti hanno firmato una mozione per non accogliere Krah, che è stato travolto da scandali e controversie.
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha ribadito la necessità che la Commissione Europea sia sostenuta dai partiti tradizionali. Il portavoce del governo, Steffen Hebestreit, ha confermato questa posizione durante una conferenza stampa a Berlino, indicando che lunedì ci sarà un vertice informale a Bruxelles per discutere la questione.
Secondo il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, la maggioranza nel Parlamento Europeo rimarrà pro-europea e pro-ucraina, nonostante l’avanzata dei partiti di destra.
Il portavoce del governo tedesco, Steffen Hebestreit, ha affermato che non c’è stato alcun pensiero a elezioni anticipate in Germania, ribadendo che le elezioni sono previste per settembre 2025.
Vyacheslav Volodin, presidente della Duma russa, ha definito Emmanuel Macron e Olaf Scholz “la vergogna dell’Europa” in seguito ai risultati delle elezioni europee. Volodin ha criticato le politiche economiche e migratorie di Francia e Germania e ha suggerito che i due leader dovrebbero dimettersi.
Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna e candidato del PD, è stato eletto al Parlamento Europeo con oltre 380.000 preferenze. In Emilia-Romagna ha raccolto 254.000 voti, più di un terzo degli elettori PD. Con la sua elezione, Bonaccini si dimetterà dalla presidenza della Regione, innescando le elezioni regionali previste per l’autunno.