Nel giorno del Venerdì Santo, il 29 marzo, in tutta Italia si è svolta la Via Crucis in preparazione alla Pasqua. Anche Radio Maria ha voluto condividere questo rito con i suoi ascoltatori, trasmettendolo non solo via radio, ma anche in diretta video sulla propria pagina ufficiale su Facebook.

Tuttavia, durante la trasmissione, si è verificato un imprevisto: più volte il social network di Meta ha bloccato e segnalato la diretta per “immagini di nudo o atti sessuali”. Radio Maria ha risposto prontamente attraverso i social media, scusandosi con gli ascoltatori e precisando che le immagini mostravano la rappresentazione tradizionale del Cristo crocifisso, con le parti intime coperte da panni.

La situazione ha generato una vasta reazione sui social media, con molti utenti che hanno condiviso la vicenda. È probabile che il blocco sia stato attivato dall’intelligenza artificiale di Facebook, che cerca di individuare contenuti inappropriati. Tuttavia, la decisione finale viene presa da un operatore umano, il che ha sollevato interrogativi sulla precisione del processo di moderazione.

Mentre il dibattito continua sui social media, con auguri di Pasqua e altri contenuti che popolano i commenti, resta da vedere come evolverà la situazione e se ci saranno ulteriori sviluppi riguardo a questa controversia.