ROMA- “E’ urgente mettere in campo servizi per le persone con disabilità. E’ necessario, per farlo, rendere concrete quelle tutele che ora esistono spesso solo sulla carta, sono carenti o spesso del tutto inesistenti. E’ una vergogna dovere leggere di storie come quella, riportata dalla stampa, accaduta al giovane disabile che doveva sottoporsi alle visite mediche per il rinnovo della patente e al quale è stato risposto di andare fuori regione Lazio perchè gli appuntamenti erano bloccati, o di carrozzine portate in braccio perchè le scale mobili della metro della Capitale non funzionano”. A commentare l’accaduto è Eloisa Fanuli, dirigente e coordinatrice della Lega del Municipio IX di Roma, che più in generale ribadisce l’importanza di prevedere anche “un ripensamento del welfare per queste persone fragili, dai permessi retribuiti, al part-time, allo smart working, tutte misure che possono essere strutturali”.

Lancia infine Fanuli anche “la proposta di una revisione della legge 104, per un utilizzo della stessa a vantaggio delle persone che ne hanno realmente bisogno, senza usi impropri e senza scuse per chi amministra servizi che, aldilà della norma, hanno un valore etico e morale”, conclude.