Il vertice del G20 economico a San Paolo si è concluso senza un comunicato finale a causa della mancanza di un accordo sulla condanna della Russia per l’aggressione all’Ucraina. Sebbene sia prevista una dichiarazione sulla presidenza brasiliana riguardante temi economici, il ministro delle Finanze brasiliano Fernando Haddad ha spiegato che si è verificata un’impasse sui conflitti geopolitici in corso.

Le tensioni nel negoziato sulla condanna della Russia sono emerse nelle ore precedenti, evidenziando quanto sia difficile trovare un consenso sul tema all’interno del G20. Il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner ha insistito sul punto, mentre Haddad ha sottolineato il consenso raggiunto su temi economici e l’attesa per l’approvazione del pacchetto sulla tassazione delle multinazionali nel 2024.

Il governatore di Bankitalia ha fornito un quadro della situazione economica, notando la resilienza globale nonostante gli shock recenti, anche se la crescita mondiale rimane insoddisfacente e eterogenea tra i Paesi. Riguardo alla politica monetaria, l’eventuale decisione di allentare le restrizioni sarà basata su un chiaro rientro dell’inflazione.

Giancarlo Giorgetti ha sottolineato i dati positivi dell’Italia e la necessità di un allentamento della politica monetaria per favorire la crescita economica. Ha anche discusso di privatizzazioni e debito pubblico, sottolineando la prudenza nel bilanciare la presenza pubblica con le esigenze economiche, e menzionando il fallimento della privatizzazione di Ita, attribuendolo ad altri motivi che non riguardano il governo italiano.