La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha sottolineato l’importanza dei commercianti, artigiani e esercizi di vicinato come “dispositivi di sicurezza e socialità”, affermando che nessun colosso del web può sostituire la loro funzione culturale e sociale. Il suo messaggio è stato trasmesso durante l’Assemblea di Confesercenti a Venezia, dove ha evidenziato il ruolo cruciale di questi operatori nel contrastare la desertificazione delle strade e lo spopolamento dei borghi.

Nonostante la crescente presenza del commercio elettronico, Meloni ha enfatizzato il valore insostituibile dei commercianti locali nel tessuto sociale. La loro presenza, secondo la presidente del Consiglio, rappresenta un antidoto fondamentale per mantenere vive le comunità e promuovere la socialità.

La dichiarazione è giunta in un contesto in cui la spesa degli italiani per le festività natalizie è in crescita, sebbene l’inflazione stia incidendo sui budget. Una ricerca condotta da Confesercenti e Ipsos rivela che gli italiani pianificano di spendere in media 223 euro per i regali di Natale, registrando un aumento del 13% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, emerge una polarizzazione tra coloro che possono permettersi spese più consistenti e coloro che no, con il commercio online che svolge un ruolo predominante nelle decisioni di acquisto.

L’aumento dei prezzi è indicato come uno dei fattori trainanti di questa tendenza, e al netto dell’inflazione, l’incremento della spesa si riduce al +6%. Nonostante le sfide economiche, dicembre è atteso chiudersi con un segno positivo per i consumi, rappresentando un incoraggiante miglioramento rispetto agli alti e bassi dell’anno in corso. Confesercenti prevede complessivamente un aumento del +1,2% nei consumi nel 2023, seguito da una frenata al +0,8% nel 2024.