Parliamoci chiaro. Della guerra interna al Movimento Cinque Stelle, delle grandi manovre tra Grillo e Conte, di Di Maio, Di Battista e compagnia ci interessa veramente qualcosa? Pensiamo davvero che gli italiani stiano incollati al televisore per vedere come va a finire? Certo, chi è direttamente interessato – grillini parlamentari e militanti – vorrà sapere perchè tutti gli entusiasmi, gli sforzi fatti sono finiti in gloria. La rivoluzione mancata è archiviata, i suoi protagonisti non si riconoscono nemmeno più. Grillo è il proprietario del Movimento e cura i suoi interessi, Conte vede in fcorse l’unica possibilità di restare a galla e rimediare uno stipendio. Ma gli altri? Il paese ha altre esigenze e altri problemi, le promesse si sono rivelate bufale, il  bilancio è fallimentare. Non c’è umiltà, non c’è rispetto per gli elettori, solo autocommiserazione. Troppo poco.