Hunter Biden, figlio del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, è stato giudicato colpevole per tutti e tre i capi d’accusa relativi all’acquisto e al possesso di una pistola mentre faceva uso di droghe. La decisione è stata presa dalla giuria del tribunale di Wilmington, in Delaware. Questo rappresenta un evento senza precedenti, poiché è la prima volta che il figlio di un presidente in carica viene processato e condannato.

Hunter Biden rischia fino a 25 anni di carcere. Tuttavia, non sarà incarcerato in attesa della sentenza definitiva, la cui data non è ancora stata fissata, come riferisce la CNN.

In una dichiarazione rilasciata dopo il verdetto, Hunter Biden ha espresso gratitudine per il supporto della sua famiglia, nonostante la delusione per l’esito del processo. “Sono più grato per l’amore ricevuto dalla mia famiglia che deluso per l’esito del processo”, ha affermato.

Il presidente Joe Biden ha dichiarato di accettare l’esito del procedimento penale e ha ribadito il suo sostegno al figlio, sottolineando il suo ruolo di padre oltre che di presidente. “Accetterò l’esito del procedimento penale e continuerò a rispettare il processo giudiziario mentre mio figlio Hunter considera l’appello. Io e Jill ci saremo sempre per Hunter. Siamo orgogliosi di lui oggi”, ha detto Biden.

La First Lady, Jill Biden, è arrivata in tribunale per stare vicino al figlio Hunter. Tuttavia, il breve intervallo di tempo tra l’annuncio del verdetto e la sua lettura non le ha permesso di essere presente in aula al momento della lettura del verdetto.