I Carabinieri dei NAS, d’intesa con il Ministero della Salute, hanno condotto su tutto il
territorio nazionale una campagna di controlli presso villaggi turistici, campeggi, agriturismi
e similari strutture tradizionalmente vocate alla ricettività vacanziera.
Nell’occasione sono stati oggetto di verifica anche i relativi esercizi di somministrazione di
alimenti e bevande nonché i servizi forniti a favore degli utenti, come le camere, le piscine e
le aree ricreative.
Le attività di controllo hanno interessato 724 strutture e aziende, accertando violazioni
presso 202 di esse, pari al 28% degli obiettivi ispezionati, dei quali 17 oggetto di
provvedimenti di sequestro o di sospensione dell’attività a causa di gravi irregolarità e di
incompatibilità con la prosecuzione del servizio.
Le 301 violazioni penali e amministrative contestate, per un ammontare di 150 mila euro,
hanno riguardato numerose inosservanze emerse nel corso delle verifiche dei NAS.
In particolare, è stata rilevata la mancata attuazione delle misure di contenimento alla
diffusione da Covid-19, che prevede l’uso di dispositivi di protezione individuale e di
mascherine facciali, la presenza di dispenser per la disinfezione delle mani e delle
informazioni per la clientela, la predisposizione di procedure di disinfezione, di
mantenimento del distanziamento e la formazione degli operatori.
La metà delle violazioni contestate sono attribuibili a carenze igienico-sanitarie e strutturali
di ambienti adibiti alla preparazione e somministrazione dei pasti, spesso improvvisati o
ampliati abusivamente rispetto alle previsioni e collocati in spazi ristretti, a volte anche privi
di acqua potabile.
Nei casi più gravi sono stati rinvenuti alimenti detenuti in cattivo stato di conservazione e
proposti fraudolentemente come freschi, mentre in altri mancava l’indicazione circa la
presenza di allergeni o la tracciabilità del prodotto. All’esito degli interventi, i NAS hanno
eseguito il sequestro di 1.890 kg di alimenti irregolari.
I 17 provvedimenti di chiusura e sospensione delle attività hanno riguardato in 11 casi
ambienti destinati alla lavorazione e gestione degli alimenti e dei pasti, nelle restanti
situazioni invece sono state disposte nei confronti di spazi alloggiativi e di pertinenze quali
piscine abusivamente attivati.
2
Nel corso dei citati controlli è stato valutato anche il rispetto della recente normativa che
disciplina gli accessi alle aree interne dei servizi di ristorazione, aree benessere, centri
ricreativi prevedendo l’obbligo della presentazione della certificazione verde COVID-19:
nei villaggi turistici, campeggi e agriturismo oggetto di verifica da parte dei NAS è stata
accertata la regolarità degli avventori presenti, risultati tutti muniti di “green pass”.
Tra le operazioni più rilevanti:
NAS Catania
Sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria il titolare di un villaggio turistico ubicato in Letojanni
(ME) ed il gestore del ristorante interno alla struttura per aver detenuto prodotti alimentari
all’interno di un vano tecnico destinato agli impianti natatori adibito abusivamente a deposito
alimenti, risultato peraltro interessato da gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali.
Nell’occasione sono stati sottoposti a sequestro penale 76 kg. di prodotti ittici, carnei e dolciari,
detenuti in cattivo stato di conservazione e in parte oggetto di arbitraria congelazione con
procedure non idonee.
Il medesimo NAS, in un altro villaggio turistico ubicato in Oliveri (ME), ha rinvenuto, all’interno
delle celle frigorifere della cucina, scarti di lavorazione e rifiuti indifferenziati posti a diretto
contatto con gli alimenti destinati alla somministrazione dei clienti della struttura ricettiva. È stato
operato il sequestro penale di complessivi 161 kg tra prodotti a base di carne, lattiero-caseari e
orticoli nonché 389 litri di bibite e bevande alcoliche detenuti in condizioni non compatibili con il
consumo umano.
NAS Roma
Presso una struttura turistica ubicata lungo la costiera di Fiumicino (Roma) è stato sanzionato il
gestore per non aver ottemperato alle disposizioni anti-COVID, consentendo la personale
dipendente di operare senza indossare mascherine o altri dispositivi individuali di protezione
facciale.
NAS Taranto
In Manduria (TA) è stato ispezionato un villaggio turistico, con annesso campeggio, i cui locali
destinati alla preparazione dei pasti erano interessati da carenze igienico sanitarie e strutturali e
privi di approvvigionamento di acqua potabile. Per tale motivo è stata disposta la chiusura del barristorante di pertinenza del camping.
NAS Parma
A seguito della verifica del NAS, è stata disposta la sospensione all’uso della piscina presente
all’interno di un villaggio turistico – campeggio in Varsi (PR).
Nel corso dell’ispezione i carabinieri hanno accertato l’inosservanza dei protocolli vigenti per il
contrasto dalla diffusione del COVID-19, come l’assenza di cartellonistica indicante il numero
massimo di utenti in vasca e mancanza di procedure di sanificazione delle attrezzature (sdraio,
lettini e ombrelloni). Inoltre l’attività di piscina veniva esercitata nonostante la non corretta
registrazione dei controlli giornalieri per il monitoraggio dei valori chimici dell’acqua (cloro
libero e totale, temperatura e pH) e del documento per l’analisi e la gestione del rischio
“legionella”. Il valore del provvedimento di sospensione ammonta ad euro 150.000.

NAS Potenza
A causa delle gravi carenze igienico sanitarie riscontrate nel corso di una ispezione igienico
sanitaria effettuata presso un minimarket annesso ad un villaggio turistico di Pietrapertosa (PZ), è
stata disposta l’immediata sospensione dell’attività dell’esercizio commerciale.
3
Ulteriore provvedimento di immediata chiusura è stato emesso nei confronti di 2 piscine ad uso
esclusivo di un villaggio turistico di Policoro (MT), attivate in assenza di autorizzazione. Il valore
degli impianti oggetto di chiusura ammonta a 250.000 euro.
NAS Pescara
L’amministratore unico di un villaggio turistico di Tortoreto (PE) è stato sanzionato per aver
attivato abusivamente 2 depositi per derrate alimentari, peraltro privi dei requisiti minimi igienico
strutturali e con all’interno prodotti alimentari privi di tracciabilità. Ulteriori alimenti erano
esposti in vendita ai clienti con il termine di conservazione decorso di validità e senza l’indicazione
della presenza di allergeni. Per tali motivi è stata disposta l’immediata sospensione dei due
depositi abusivi. Ulteriori 1.200 kg. circa di prodotti alimentati di origine vegetale e animale sono
stati sottoposti a sequestro poiché non tracciati e/o con termine di conservazione decorso.
NAS Napoli
Al termine di una verifica presso un campeggio di Giugliano in Campania (NA), è stata sottoposta
a sequestro penale un’area di circa 1.000 mq adibita a discarica non autorizzata, posta all’interno
del sito turistico. Nella zona sottoposta a sequestro è stata riscontrata una ingente quantità di
rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi (elettrodomestici in disuso, pneumatici usati, lamiere
arrugginite, materassi e attrezzature per l’edilizia in visibile stato di abbandono). È stato eseguito
anche il sequestro di 50 kg di alimenti vari (salumi, molluschi e prodotti da forno) in quanto privi
di rintracciabilità. Il titolare della struttura è stato segnalato alle Autorità Giudiziaria e
Amministrativa.
NAS Livorno
Il titolare di un agriturismo ubicato in Capannori (LU) è stato segnalato all’Autorità
amministrativa per aver ampliato l’attività ricettiva da 22 posti letto, previsti dall’autorizzazione, a
33 posti. Richiesto un provvedimento di inibizione all’uso delle unità abitative eccedenti quelle
autorizzate.
NAS Catanzaro
In Badolato (CZ), presso un villaggio turistico è stata accertata la mancanza di cartellonistica al
contenimento della diffusione del COVID-19, sanzionando il titolare della struttura.
NAS Genova
Ad esito di un’ispezione presso una piscina nel comune di Masone (GE), è stata contestata una
violazione amministrativa per non aver predisposto alcuna informazione sulle misure di
prevenzione “COVID-19” mediante l’ausilio di apposita segnaletica, cartellonistica e/o sistemi
audio-video. Sono state inoltre riscontrate non conformità igienico strutturali dell’impianto,
oggetto di segnalazione all’Autorità competente.
Roma, 16 agosto 2021
(Contatto