Il centrodestra continua a lavorare alla squadra di Governo. Silvio Berlusconi arriva a Roma e si trasferisce subito a Villa Grande in attesa di tornare al Senato giovedì, dopo 9 anni di assenza. Nel pomeriggio di ieri il Cavaliere ha ricevuto solo Matteo Salvini. Il colloquio è durato poco più di mezz’ora. Venerdì scorso la leader di FdI aveva annunciato un nuovo vertice di coalizione da tenersi fra oggi e domani, alla vigilia dell’insediamento del nuovo Parlamento.

In mattinata  la riunione in via della Scrofa tra i vertici di FdI, Calderoli, Maurizio Lupi, Lorenzo Cesa e Antonio De Poli dell’Udc. Un incontro al quale avrebbe preso parte anche Licia Ronzulli e Alberto Barachini per FI. Sul tavolo la composizione del Governo e i nuovi equilibri politici che si dovranno creare al Senato.  Salvini prima di vedere Berlusconi ha incontrato alla Camera Giorgetti. Le Camere, intanto, diventano operative. I primi ad accreditarsi ieri a Montecitorio sono Nicola Zingaretti e Giorgetti. Al Senato è rinato il Gruppo per le Autonomie, mentre Carlo Calenda, dopo essersi iscritto, si è fatto accompagnare in Sala Maccari per vedere l’affresco dedicato alla congiura di Catilina. Nel Pd, che oggi riunisce gli eletti, si promuove un sit-in davanti all’ambasciata russa per il 13 ottobre al quale parteciperanno anche Enrico Letta e +Europa. Il leader M5S Giuseppe Conte ha insistito sulla necessità di arrivare ad una pace in Ucraina.