Con un valore Rt a 1.3 e un tasso di incidenza a 173 per 100 mila abitanti il Lazio fa un ‘doppio saltò dalla zona gialla ed entrerà per la prima volta in quella rossa. «Anche la nostra Regione da lunedì sarà chiamata a rispettare giustamente le regole della zona rossa» ha annunciato il presidente Nicola Zingaretti. Registrato un aumento del numero dei focolai di trasmissione, da 233 a 322, mentre il tasso di occupazione dei posti letto delle terapie intensive è parti al 28% e il tasso di occupazione dei posti letto di area medica a 32%. E così da lunedì le scuole saranno chiuse, come anche i negozi (esclusi quelli che vendono generi alimentari e di prima necessità), parrucchieri, estetisti e ristoranti (consentito l’asporto e la consegna a domicilio). Limitazioni anche per quanto riguarda gli spostamenti. Nelle ultime 24 ore nel Lazio, su un totale di oltre 38 mila test, si registrano 1.757 positivi (-43 rispetto a ieri), 24 decessi (+8) e +757 guariti. I casi a Roma città sono a quota 800. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 11%, ma se si considerano anche gli antigenici la percentuale scende al 4%. Intanto sul fronte vaccini anti-Covid l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, ha lanciato un allarme: ®Abbiamo scorte per una settimana¯. ®Oggi arriveremo alle 650 mila somministrazioni totali effettuate nel Lazio – ha detto – e sono preoccupato poiché abbiamo un’autonomia delle dosi pari ad una settimana¯. ®In costante crescita¯ la vaccinazione dai medici di famiglia – ha sottolineato – ®raggiunte le 50 mila dosi e sono oltre 2.164 i medici già attivi nella campagna e che hanno ritirato almeno una fiala dei vaccini presso le farmacie delle asl¯ . Superata la quota delle 220 mila vaccinazioni over 80 ®che rappresentano il 70% delle persone prenotate over 80¯. ®Siamo la regione che ha vaccinato più anziani¯ ha ribadito D’Amato. Partite le prenotazioni per 75-74enne (nati 1946 e 1947) e dalla mezzanotte di lunedì per i 73-72enni (ovvero i nati nel 1948 e 1949). Sono oltre 170 mila le prenotazioni già eseguite per gli over 70 anni. E in vista dell’ultimo weekend ‘giallò è già scattato nella Capitale il piano anti-assembramenti messo a punto dalla Questura. Massima l’attenzione delle forze dell’ordine per evitare gli affollamenti nelle principali vie dello shopping, nelle zone di movida, ma anche in parchi e sul litorale.