In tantissimi hanno visitato le Grotte di Pastena, Collepardo e il Pozzo d’Antullo: i suggestivi siti ipogei in provincia di Frosinone che insieme costituiscono un unico grande patrimonio speleologico, valorizzato e tutelato dal 2019 dalla Regione Lazio con la gestione di LAZIOcrea S.p.a. in collaborazione con le amministrazioni locali. Sono stati oltre 1800 i visitatori che hanno scelto di ammirare le suggestive formazioni rocciose dei tre geositi di cuioltre 1000 solo nelle giornata di lunedì. Quella di Pasquetta, in particolare, è stata una giornata all’insegna della natura e del divertimento con gli eventi organizzati in collaborazione con le associazioni del territorio: a Pastena, i bambini hanno ricevuto uova di cioccolato nel “Il Giardino incantato delle Fate capricciose”, allestito sul Piazzale delle Grotte dall’Associazione Culturale Maurisia; il Pozzo d’Antullo è stato animato dai laboratori ambientali per bambini a cura del Circolo Legambiente Lamasena e da un divertente spettacolo interattivo di teatro di figura, recitazione dal vivo e burattini con la loro tradizionale baracca in legno a cura dell’Associazione Culturale La Bottega Indaco.

Registrate circa 2200 presenze nel weekend anche per la Certosa di Trisulti, il suggestivo complesso certosino di Collepardo, rientrato nella piena gestione della Direzione Regionale Musei Lazio e nuovamente visitabile grazie alla collaborazione tra il Ministero della Cultura – Direzione Regionale Musei Lazio, la Regione Lazio e la società regionale in house LAZIOcrea S.p.a. Tanti i visitatori che hanno scelto la Certosa con il nuovo percorso di visita a ingresso gratuito grazie al quale scoprire luoghi straordinari come la Farmacia settecentesca, il giardino all’italiana e la chiesa di San Bartolomeo.