Piazza del Popolo, Via del Corso e il Tridente tornano a essere sorvegliati speciali durante il weekend. Il Comitato provinciale Ordine e sicurezza ha scelto di mettere in campo per sabato e domenica, il dispositivo di sicurezza anti-assembramento, il cosiddetto ‘Modello Roma’, già sperimentato durante le festività natalizie con l’aggiunta di ulteriori specifici dispositivi.

La decisione è stata presa dal prefetto di Roma Matteo Piantedosi in una riunione a cui hanno partecipato anche Comune di Roma e Regione Lazio, proprio in ottica del primo fine settimana di ritorno in zona gialla per la Capitale. Confermate, durante il tavolo riunitosi in giornata, le modalità di regolazione dei flussi delle persone, con ingressi scaglionati ‘stop and go’ in aree delimitate e aperture a soffietto per contenere il numero delle presenze in determinati punti della città, soprattutto lungo le principali vie dello shopping del centro.

Chiuse piazze della movida venerdì
Controlli che sono già iniziati ieri sera. A causa dell’elevato numero di persone, la Polizia locale di Roma Capitale venerdì ha chiuso temporaneamente piazza dell’Immacolata, nel quartiere di San Lorenzo, luogo della movida capitolina molto frequentato dai giovani.

Controlli e multe pure in via di Vigna Stelluti, a Vigna Clara, per assembramenti fuori da un bar che continuava a servire i clienti ai tavoli e al bancone anche dopo le 18. E poi anche strade e piazze chiusi a San Lorenzo, Trastevere e in centro.

Tanti i controlli anche Montesacro, in particolare in piazza Sempione, per verificare eventuali assembramenti e armonizzare così le attività attualmente consentite con il rispetto del distanziamento sociale e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.

Piazza del Popolo e Pincio sotto controllo
Da oggi occhi puntati della Prefettura sulle zone finite di recente al centro delle polemiche per assembramenti ed episodi più o meno gravi di violenza tra i giovani. Oltre ai varchi di accesso nella zona del Tridente, a piazza del Popolo infatti ci saranno dei corridoi per consentire l’afflusso e il deflusso delle persone con l’obiettivo di rendere più fluido il transito dei pedoni nella zona ma anche di evitare stazionamenti. Al Pincio ci saranno pattuglie di polizia e carabinieri a cavallo per presidiare maggiormente la zona.

Tutti i presidi e punti di controllo saranno coadiuvati dalla presenza della Protezione Civile, coinvolta nel piano dal Comitato come già accaduto per le festività natalizie. Al controllo anti assembramento, ma anche alle attività di polizia amministrativa, saranno invece dedicate specifiche pattuglie che opereranno nel weekend in altre zone, come Ponte Milvio, Trastevere e Ponte della Musica. A loro il compito più specifico di vigilare sulla presenza di eventuali violazioni delle disposizioni governative in ambito commerciale.