Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto in un nuovo video: “La Russia ha annunciato che domani bombarderà le nostre industrie di difesa. Molte di queste sono nelle nostre città, con i civili attorno. E’ un omicidio. E non vedo nessun leader mondiale reagire a questo oggi, nessun politico occidentale. Spero che almeno reagiranno domani”. Intanto la fuga dei 200.000 civili di Mariupol dai bombardamenti russi appare sempre più difficile. E’ stata la Croce Rossa a comunicare il fallimento delle evacuazioni. Ancora una volta, tra le accuse incrociate di Mosca e Kiev. La guerra intanto continua.