Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi si sono confrontati sulle prossime scadenze istituzionali e sulla necessità di avere un governo forte e capace di rispondere alle urgenze del Paese, a partire dall’emergenza dovuta ai costi dell’energia.

E’ volontà comune del centrodestra procedere più speditamente possibile lungo la strada per la formazione dell’esecutivo. A renderlo noto il centrodestra al termine del vertice dei leader ad Arcore. Alcune fonti della Lega precisano che “la Lega ha chiara la propria squadra di governo ed è pronta, ai massimi livelli. Le priorità del partito di Matteo Salvini sono la difesa degli stipendi, delle pensioni e del lavoro degli italiani, partendo da un Decreto ferma-bollette che, visti i ritardi europei, non può più essere rinviato”. In un post su Fb, Meloni attacca la sinistra che ‘”scende in piazza contro le politiche del governo Meloni non ancora formato. Stiamo vivendo un paradosso in cui la sinistra – attualmente al Governo – scende in piazza contro “le politiche del Governo Meloni” non ancora formato. Comprendo la voglia di protestare dopo anni di Esecutivi inconcludenti che ci hanno condotto nell’attuale disastrosa situazione, ma il nostro obiettivo sarà restituire futuro, visione e grandezza all’Italia. A breve volteremo finalmente pagina”.